La digestione è un processo che richiede tempo e lavoro ai nostri organi e che è preferibile non concentrare in un unico momento della giornata.
E’ fondamentale mangiare ogni 3-4 ore (5-6 pasti al giorno) in modo da mantenere sempre attivo il metabolismo ed evitare di abbuffarsi durante il pranzo e la cena.
Bisogna mangiare con calma, farlo troppo velocemente non permette di controllare quanto si mangia.
Le sostanze assorbite dall’intestino e trasportate nel sangue determinano specifiche risposte ormonali, essenziali per trasportare i nutrienti nei vari organi di deposito.
Ad esempio l’insulina controlla la fase post-digestiva. Questo ormone, prodotto dal pancreas su sollecitazione degli zuccheri del sangue, è responsabile dell’immagazzinamento dei substrati negli organi di deposito.
La capacità del pancreas di produrre insulina è correlata alla composizione, alla quantità e all’orario dei pasti. Ad elevate concentrazioni, questo ormone, può indirizzare il passaggio dei diversi substrati in cellule sensibili condizionando l’attività degli organi che dipendono da queste.
Mangiare più volte al giorno è la chiave per evitare lunghi periodi di digiuno e per non concentrare l’assunzione di nutrienti durante i pasti principali. Assumere elevate quantità, soprattutto di glucidi, durante un unico pasto determina il cosiddetto “picco glicemico”, ossia un aumento della glicemia e quindi della secrezione di insulina.

MOASC<