patate

Esistono moltissime varietà di patata, ma tutte si caratterizzano per essere piante che accumulano acqua ed energia.

La patata è un alimento ricco in carboidrati (15-25% amido facilmente digeribile) ma povero di proteine (la sua proteina, però, ha un elevato valore biologico). La sua composizione in nutrienti è più simile a molte verdure ed ortaggi.

I grassi sono praticamente trascurabili, vitamine (niacina e vitamina C) e minerali (potassio) sono contenuti in piccole quantità che si perdono facilmente per ossidazione al momento di sbucciarle.

Le patate hanno un contenuto di carboidrati maggiore rispetto a frutta, verdura e ortaggi ma inferiore rispetto a quello del pane. Normalmente non contengono zuccheri e la presenza di questi può essere considerata un’anomalia.

Rispetto al pane hanno un contenuto proteico inferiore, tuttavia questo è superiore a quello di molte verdure.

Per quanto riguarda i minerali sono un’ottima fonte di potassio, ma il loro contenuto in calcio e ferro è inferiore rispetto a quello di frutta, verdura ed ortaggi.

Come il pane sono carenti di vitamina A, hanno bassi valori di folati e livelli di B1, B2 e niacina. Hanno però un contenuto di vitamina C simile a quello di frutta e verdura. La quantità di questa vitamina varia considerevolmente a seconda del metodo di cottura e del tempo di stoccaggio.

Raccomandazioni culinarie:

E’ essenziale sbucciare la patata perfettamente perché così facendo si elimina la solanidina che in presenza di luce libera la solanina, un alcaloide molto tossico che provoca gravi problemi gastrointestinali e si sospetta possa creare malformazioni congenite.