Integratori

La L-carnitina è un amminoacido che, nell’organismo, interviene come trasportatore di acidi grassi a catena lunga attivati per favorire la beta ossidazione lipidica.

In parole povere, quindi, migliora l’ossidazione degli acidi grassi a catena lunga e riduce gli acidi grassi liberi. Numerose indagini sulla carnitina hanno dimostrato una diminuzione dei livelli di trigliceridi nel sangue dopo aver sottoposto l’organismo ad un apporto costante di carnitina per diversi mesi.

In natura le fonti di carnitina sono: il latte ed i prodotti caseari; la carne rossa (soprattutto manzo ed agnello). Il nostro organismo, comunque, è in grado di produrre acetil-L-carnitina (ALC) dagli amminoacidi lisina e metionina in associazione con vitamine B3, B6, C e ferro.

Avendo un impatto diretto sui livelli di energia dell’atleta e sul grado di affaticamento, l’integrazione con acetil-L-carnitina (prodotto sintetizzato derivato dalla L-carnitina per migliorare disponibilità ed efficacia) può risultare molto utile in sport aerobici che richiedono energia proveniente dai grassi. L’utilità dell’integrazione con questa molecola si deve al fatto che, come già accennato in precedenza, migliora il metabolismo lipidico, generando energia in maggiore quantità a livello muscolare senza consumare le riserve di glicogeno.

In caso di prolungato esercizio fisico, l’ingestione di L-carnitina dopo lo sforzo, riduce efficacemente la debolezza ed il dolore muscolare.

I valori della CK (creatinchinasi) aumentano dopo esercizio fisico intenso. Questi valori sono l’espressione del danno cellulare indotto dall’esercizio stesso. Studi scientifici hanno dimostrato che l’assunzione di carnitina dopo l’attività riduce anche l’aumento della CK.

Dati alla mano e un buon feedback da parte di atleti specializzati in sport di resistenza che seguo, mi sono convinto che l’integrazione mirata di L-carnitina (o ACL) abbinata ad una dieta e ad un allenamento calibrati, possa aiutare ad incrementare le performance e tenere monitorato il peso corporeo.

Cercate di farvi consigliare l’integrazione più adatta alle vostre esigenze, ai vostri obiettivi ed alle vostre caratteristiche da persone competenti e qualificate. Evitate il “fai da te” ed i consigli standardizzati che trovate via internet.