ERCOLE

Sono oltre 200 i fattori che regolano la nostra composizione corporea. In linea di massima le diete “standard” prendono in considerazione solo pochi di questi: insulina, carico glicemico, proteine etc.

Il nostro organismo ha specifici termometri metabolici. Il più importante di questi è situato all’interno degli adipociti (cellule grasse). Quando queste cellule si riempiono il nostro metabolismo aumenta , viceversa, quando si svuotano diminuisce.

Togliendo i carboidrati si perde peso, in parte perché diminuisce il glicogeno muscolare, in parte perché perdiamo liquidi. Dobbiamo considerare però che un altro termometro metabolico è situato nel fegato. Più l’epatocita (la cellula del fegato) è ricca di glicogeno e più il nostro cervello manterrà alto il metabolismo, al contrario se ne è priva comunicherà di aumentare il consumo di grassi con conseguente abbassamento del metabolismo (consumeremo sempre meno kcal).

Il nostro corpo non deve mai perdere l’affinità con i carboidrati. Questo permette di preservare la leptina (ormone proteico influenzato dai livelli di glucosio e che regola il metabolismo tramite la sua influenza sugli ormoni tiroidei).

Purtroppo la visione moderna della “Dieta” impedisce di inquadrarla positivamente: si tratta sempre di privare o dimezzare le quantità (spesso anche oltre alla qualità). In realtà il più corretto approccio alla giusta alimentazione prevede di migliorare il tipo di nutrizione stessa.

Prima di diminuire il quantitativo calorico settimanale dobbiamo prima aumentare il metabolismo. L’aumento calorico è condizione irrinunciabile per creare le basi per un vero dimagrimento futuro. Aspetto fondamentale è che questo incremento sia graduale, sia studiato nei minimi dettagli, rispetti la giusta proporzione tra macro e micronutrienti e sia abbinato alla giusta attività fisica.

E’ importantissimo, di conseguenza, ricostruire il metabolismo. La finalità è quella di abituare l’organismo a mangiare di più senza ingrassare. Ciò ci permette di aumentare il nostro set-point metabolico di 500-1000 kcal e partire con una dieta dimagrante da un livello calorico molto più elevato.

Prima di dimagrire dobbiamo “ingrassare”. E’ necessario investire diversi mesi nel ricreare uno stato metabolico di partenza essenziale che ci permetta poi, solo quando abbiamo le condizioni ottimali, di dimagrire.

Il segreto per perdere massa grassa? Avere pazienza!

Nel prossimo articolo spiegheremo come programmare questo reset metabolico.